Dopo il successo di Art Revolution, Cube lancia “Voci di Donna”, la prima esposizione digitale di quadri parlanti interamente declinata al femminile, in cui il racconto delle donne protagoniste delle opere diventa anche un importante spunto di riflessione sul ruolo delle donne nella società e nella storia dell’arte.

La mostra ha debuttato lo scorso 8 marzo a Verona nella galleria del Centro Commerciale Adigeo, a Verona, dove sarà presente fino al 1 aprile, per poi proseguire il tour in Italia e successivamente in Europa. “Voci di Donna” non è solo una raccolta di opere d’arte, ma un’esperienza immersiva e innovativa che unisce tecnologia e creatività. Ogni quadro, dotato di tecnologia avanzata, racconta una storia unica e toccante attraverso la voce delle donne raffigurate. Queste storie variano dal personale all’universale, esplorando tematiche come la resilienza, l’amore, la lotta per l’uguaglianza, e la bellezza in tutte le sue forme.

Il progetto si distingue per la sua capacità di dare vita alle opere d’arte, rendendo visibili e udibili le emozioni e i pensieri delle protagoniste. Ogni voce è stata scelta con cura per rappresentare fedelmente il personaggio, creando un legame emotivo tra l’opera e lo spettatore. Questo approccio innovativo trasforma la visita in un viaggio interattivo e coinvolgente, che permette di riscoprire l’arte da una prospettiva nuova e affascinante.

“Voci di Donna” è anche un’occasione per celebrare il talento delle artiste donne, spesso trascurate dalla storia dell’arte tradizionale. Le opere in mostra spaziano da artisti contemporanei a grandi maestri del passato, mettendo in luce la diversità e la ricchezza delle espressioni artistiche femminili. Questa esposizione non solo mette in risalto il contributo delle donne all’arte, ma invita anche a riflettere sulle sfide e le conquiste che hanno caratterizzato la loro presenza nel mondo artistico.

Il tour proseguirà in diverse città italiane, tra cui Milano, Roma e Firenze, per poi approdare in importanti capitali europee come Parigi, Londra e Berlino. Ogni tappa sarà arricchita da eventi collaterali, workshop e incontri con artiste e critici d’arte, rendendo “Voci di Donna” un evento culturale di ampio respiro.

La risposta del pubblico e della critica è stata entusiastica. La mostra ha saputo conquistare l’attenzione per la sua originalità e per la capacità di unire l’arte visiva con la narrazione audio, creando un dialogo diretto e potente con gli spettatori. “Voci di Donna” rappresenta un passo avanti nel modo di concepire e fruire l’arte, aprendo nuove possibilità di interazione e comprensione delle opere.